++ Grande Aggiornamento di Primavera – Non perderlo! ++

Per principianti e collezionisti

Accesso a varietà rare

Spedizione veloce

Rispettoso dell’ambiente

Informazioni sulla spedizione

Descrizione

Sarracenia leucophylla (L14MK x L04MK) x Adrian Slack H113MK #1 è un affascinante incrocio tra Sarracenia leucophylla e la famosa Sarracenia x Adrian Slack. Conserva una forma unica dell’ascidio e una combinazione più delicata dei colori dei genitori. L’ascidio è verde chiaro, il cappello si tinge di bianco chiaro con venature rosa e il labbro assume un delicato rosa tenue.

Origine:
Nord America.

Description:

  • Clima: temperato/continentale
  • Ciclo vitale: perenne (dormienza invernale)
  • Ascidio: verde chiaro
  • Peristoma: bianco e il labbro rosa tenue
  • Opercolo: bianco con venature rosa

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Sarracenia?
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di ambientamento da almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, mantenendo sempre 3-4 cm d’acqua nel sottovaso. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Pieno sole tutto l’anno! È possibile ombreggiare leggermente nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Sarracenia è tuttavia molto meno sensibile al caldo rispetto a Dionaea muscipula.

Irrigazione:
Sarracenia ama i ristagni d’acqua (3-4 cm di acqua distillata sempre nel sottovaso) anche in inverno e in caso di gelo. Questo serve a imitare fedelmente l’ambiente naturale in cui vivono.
È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio tutte le acque di condensa (condizionatore, deumidificatore). La conducibilità dell’acqua deve avere un valore inferiore a 50 micro-siemens.

Substrato:
Sarracenia non tollera le sostanze nutritive. Evitiamo torbe con pH neutro o fertilizzanti azotati, che si trovano spesso nei terricci per piante acidofile. La torba deve essere pura, il substrato per Sarracenia che consigliamo è composto da 50% di pura torba acida di sfagno e 50% di perlite.

Stagionalità e temperature:
Sarracenia è una pianta carnivora dal clima temperato, viene coltivata all’esterno per tutto l’anno, sotto la luce diretta del sole sia in inverno che in estate. La pianta inizia a spuntare tra fine marzo e inizio aprile e continua a crescere fino ad ottobre inoltrato, quando il freddo diventa sempre più intenso. Nel tardo autunno gli ascidi iniziano a seccare. La Sarracenia infatti immagazzina energia in un fusto sotterraneo chiamato rizoma, di colore bianco, e lascia morire la parte aerea con l’arrivo del freddo. Non allarmatevi, la pianta è viva e sta bene. In questo periodo va idratata con qualche centimetro di acqua distillata nel sottovaso come sempre, nella stessa posizione estiva all’aperto. In primavera, con l’aumento delle temperature e delle ore di luce, le trappole si riattiveranno e la pianta ricomincerà a vegetare.

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Semi di autoproduzione germinati in-vitro nel 2018 e successivamente selezionati osservando le differenti caratteristiche che le piante hanno mostrato in seguito all’ambientamento. Ogni seme è stato isolato e numerato per permettere di salvaguardare la genetica.

Tecnica di cattura

Sarracenia per attirare le proprie prede rilasciano sul bordo dell’ascidio (peristoma) delle sostanze zuccherine che attirano gli insetti. Questi scivolano all’interno della trappola, nella quale vengono prodotti enzimi digestivi. Scappare dall’ascidio è pressoché impossibile poiché le sue pareti sono lisce e ricoperte di peli rivolti verso il basso, impedendo alle prede di arrampicarsi.

Coltivazione

, ,

Best Season

, ,

Condizioni di illuminazione

,

Sarracenia – Specie & Cultivar

,

Sarracenia – Caratteristiche Speciali

, , , ,

Sarracenia leucophylla (L14MK x L04MK) x Adrian Slack H113MK #1

5.00 *

Descrizione

Sarracenia leucophylla (L14MK x L04MK) x Adrian Slack H113MK #1 è un affascinante incrocio tra Sarracenia leucophylla e la famosa Sarracenia x Adrian Slack. Conserva una forma unica dell’ascidio e una combinazione più delicata dei colori dei genitori. L’ascidio è verde chiaro, il cappello si tinge di bianco chiaro con venature rosa e il labbro assume un delicato rosa tenue.

Origine:
Nord America.

Description:

  • Clima: temperato/continentale
  • Ciclo vitale: perenne (dormienza invernale)
  • Ascidio: verde chiaro
  • Peristoma: bianco e il labbro rosa tenue
  • Opercolo: bianco con venature rosa

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Sarracenia?
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di ambientamento da almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, mantenendo sempre 3-4 cm d’acqua nel sottovaso. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Pieno sole tutto l’anno! È possibile ombreggiare leggermente nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Sarracenia è tuttavia molto meno sensibile al caldo rispetto a Dionaea muscipula.

Irrigazione:
Sarracenia ama i ristagni d’acqua (3-4 cm di acqua distillata sempre nel sottovaso) anche in inverno e in caso di gelo. Questo serve a imitare fedelmente l’ambiente naturale in cui vivono.
È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio tutte le acque di condensa (condizionatore, deumidificatore). La conducibilità dell’acqua deve avere un valore inferiore a 50 micro-siemens.

Substrato:
Sarracenia non tollera le sostanze nutritive. Evitiamo torbe con pH neutro o fertilizzanti azotati, che si trovano spesso nei terricci per piante acidofile. La torba deve essere pura, il substrato per Sarracenia che consigliamo è composto da 50% di pura torba acida di sfagno e 50% di perlite.

Stagionalità e temperature:
Sarracenia è una pianta carnivora dal clima temperato, viene coltivata all’esterno per tutto l’anno, sotto la luce diretta del sole sia in inverno che in estate. La pianta inizia a spuntare tra fine marzo e inizio aprile e continua a crescere fino ad ottobre inoltrato, quando il freddo diventa sempre più intenso. Nel tardo autunno gli ascidi iniziano a seccare. La Sarracenia infatti immagazzina energia in un fusto sotterraneo chiamato rizoma, di colore bianco, e lascia morire la parte aerea con l’arrivo del freddo. Non allarmatevi, la pianta è viva e sta bene. In questo periodo va idratata con qualche centimetro di acqua distillata nel sottovaso come sempre, nella stessa posizione estiva all’aperto. In primavera, con l’aumento delle temperature e delle ore di luce, le trappole si riattiveranno e la pianta ricomincerà a vegetare.

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Semi di autoproduzione germinati in-vitro nel 2018 e successivamente selezionati osservando le differenti caratteristiche che le piante hanno mostrato in seguito all’ambientamento. Ogni seme è stato isolato e numerato per permettere di salvaguardare la genetica.

Tecnica di cattura

Sarracenia per attirare le proprie prede rilasciano sul bordo dell’ascidio (peristoma) delle sostanze zuccherine che attirano gli insetti. Questi scivolano all’interno della trappola, nella quale vengono prodotti enzimi digestivi. Scappare dall’ascidio è pressoché impossibile poiché le sue pareti sono lisce e ricoperte di peli rivolti verso il basso, impedendo alle prede di arrampicarsi.

Coltivazione

, ,

Best Season

, ,

Condizioni di illuminazione

,

Sarracenia – Specie & Cultivar

,

Sarracenia – Caratteristiche Speciali

, , , ,

Recensioni del cliente

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “Sarracenia leucophylla (L14MK x L04MK) x Adrian Slack H113MK #1”

Usa uno dei tipi di file consentiti: jpg,png. La dimensione massima consentita è: 10 MB.