++ 30% di sconto sulle piante in vaso – CODICE: “DIF30” – Ultimo giorno oggi! ++

Per principianti e collezionisti

Accesso a varietà rare

Spedizione veloce

Rispettoso dell’ambiente

Informazioni sulla spedizione

Descrizione

Heliamphora minor è una pianta carnivora originaria dei Tepui venezuelani. Anche se prospera in condizioni di altopiano tropicale (elevata escursione termica tra il giorno e la notte), si adatta bene alla maggior parte delle coltivazioni. Si consiglia di proteggerla dal calore eccessivo e dal gelo, è una specie eccellente per i principianti che vogliono iniziare a coltivare questo genere.

Origini:
Tepui venezuelani

Descrizione:

  • Clima: tropicale (highland)
  • Ciclo vitale: perenne (no dormienza stagionale)
  • Tipologia: tropicale, highland
  • Forma: eretta
  • Trappole: verde brillante
  • Opercolo: rosso
  • Peristoma: verde brillante

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Heliamphora? 
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di adattamento per almeno 3 mesi. Coltiviamo Heliamphora in casa tutto l’anno a una temperatura di 20°C e un fotoperiodo di 16h. Le piante sono poste sotto 2 luci LED da 6400 K e 24 W a una distanza di 20 cm. Vengono annaffiate ogni giorno dall’alto, senza piattino, per evitare ristagni d’acqua. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Heliamphora gradisce pieno sole tutto l’anno! Si consiglia di ombreggiare leggermente o rinfrescare nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Se coltivata indoor necessita di una buona illuminazione, con luci a 6400 K che garantiscano almeno 6.000/7.000 lux.

Acqua:
si consiglia di annaffiare quotidianamente dall’alto, senza sottovaso, per evitare ristagni d’acqua. È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio tutte le acque di condensa (condizionatore, deumidificatore). La conducibilità dell’acqua deve avere un valore inferiore a 50 micro-siemens.

Substrato:
Seppure 50% torba acida di sfagno e 50% perlite va bene come substrato generale, noi consigliamo il substrato per Heliamphora che abbiamo sviluppato e testato per la crescita ottimale di questo genere.

Stagionalità e temperature:
Heliamphora proviene da altipiani chiamati Tepuis in Venezuela. Il clima è fresco e nebbioso tutto l’anno, quindi ama l’umidità elevata e la luce intensa, senza mai riscaldarsi. Le notti più fresche sono l’ideale. Questo genere di piante non va in dormienza.
Possono essere coltivate su davanzali freschi e soleggiati, ma le piante migliori sono coltivate in serre o terrari a clima controllato, dove la temperatura diurna rimane a 20°C e quella notturna a 5-10°C e con una buona illuminazione (luci a 6400 K che garantiscano almeno 6.000/7.000 lux).

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha avviato la propagazione in vitro di questa Heliamphora da parti di pianta. La micropropagazione consente di preservare il genoma della pianta madre, evitando la contaminazione e la variazione genetica causate dall’impollinazione tradizionale seguita dalla produzione di semi.

Tecnica di cattura

Heliamphora per attirare le proprie prede rilascia sul bordo dell’ascidio (peristoma) delle sostanze zuccherine che attirano gli insetti. Questi scivolano all’interno della trappola, nella quale produce enzimi digestivi. Scappare dall’ascidio è pressoché impossibile poiché le sue pareti sono lisce e ricoperte di peli rivolti verso il basso, impedendo alle prede di arrampicarsi.

Coltivazione

Best Season

, , ,

Condizioni di illuminazione

,

5 su 5 in base a 8 di valutazione del cliente
(8 recensioni cliente)

Heliamphora minor

6.00 *

Descrizione

Heliamphora minor è una pianta carnivora originaria dei Tepui venezuelani. Anche se prospera in condizioni di altopiano tropicale (elevata escursione termica tra il giorno e la notte), si adatta bene alla maggior parte delle coltivazioni. Si consiglia di proteggerla dal calore eccessivo e dal gelo, è una specie eccellente per i principianti che vogliono iniziare a coltivare questo genere.

Origini:
Tepui venezuelani

Descrizione:

  • Clima: tropicale (highland)
  • Ciclo vitale: perenne (no dormienza stagionale)
  • Tipologia: tropicale, highland
  • Forma: eretta
  • Trappole: verde brillante
  • Opercolo: rosso
  • Peristoma: verde brillante

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Heliamphora? 
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di adattamento per almeno 3 mesi. Coltiviamo Heliamphora in casa tutto l’anno a una temperatura di 20°C e un fotoperiodo di 16h. Le piante sono poste sotto 2 luci LED da 6400 K e 24 W a una distanza di 20 cm. Vengono annaffiate ogni giorno dall’alto, senza piattino, per evitare ristagni d’acqua. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Heliamphora gradisce pieno sole tutto l’anno! Si consiglia di ombreggiare leggermente o rinfrescare nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Se coltivata indoor necessita di una buona illuminazione, con luci a 6400 K che garantiscano almeno 6.000/7.000 lux.

Acqua:
si consiglia di annaffiare quotidianamente dall’alto, senza sottovaso, per evitare ristagni d’acqua. È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio tutte le acque di condensa (condizionatore, deumidificatore). La conducibilità dell’acqua deve avere un valore inferiore a 50 micro-siemens.

Substrato:
Seppure 50% torba acida di sfagno e 50% perlite va bene come substrato generale, noi consigliamo il substrato per Heliamphora che abbiamo sviluppato e testato per la crescita ottimale di questo genere.

Stagionalità e temperature:
Heliamphora proviene da altipiani chiamati Tepuis in Venezuela. Il clima è fresco e nebbioso tutto l’anno, quindi ama l’umidità elevata e la luce intensa, senza mai riscaldarsi. Le notti più fresche sono l’ideale. Questo genere di piante non va in dormienza.
Possono essere coltivate su davanzali freschi e soleggiati, ma le piante migliori sono coltivate in serre o terrari a clima controllato, dove la temperatura diurna rimane a 20°C e quella notturna a 5-10°C e con una buona illuminazione (luci a 6400 K che garantiscano almeno 6.000/7.000 lux).

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha avviato la propagazione in vitro di questa Heliamphora da parti di pianta. La micropropagazione consente di preservare il genoma della pianta madre, evitando la contaminazione e la variazione genetica causate dall’impollinazione tradizionale seguita dalla produzione di semi.

Tecnica di cattura

Heliamphora per attirare le proprie prede rilascia sul bordo dell’ascidio (peristoma) delle sostanze zuccherine che attirano gli insetti. Questi scivolano all’interno della trappola, nella quale produce enzimi digestivi. Scappare dall’ascidio è pressoché impossibile poiché le sue pareti sono lisce e ricoperte di peli rivolti verso il basso, impedendo alle prede di arrampicarsi.

Coltivazione

Best Season

, , ,

Condizioni di illuminazione

,

Recensioni del cliente

Valutata 5 su 5 stelle
8 recensioni
4 stelle 0 0 %
3 stelle 0 0 %
2 stelle 0 0 %
1 stella 0 0 %

8 recensioni per Heliamphora minor

    Mostra le recensioni in tutte le lingue (10)

    Aggiungi una recensione

    Usa uno dei tipi di file consentiti: jpg,png. La dimensione massima consentita è: 10 MB.