++ 30% di sconto su tutte le Dionaea con trappola multipla – Clicca qui ++

Per principianti e collezionisti

Accesso a varietà rare

Spedizione veloce

Rispettoso dell’ambiente

Informazioni sulla spedizione

Descrizione

Drosera trinervia è una drosera a radice carnosa prostrata, originaria del Sudafrica. Come tutte le piante a crescita invernale, vegeta in inverno (da settembre a maggio) e va in riposo vegetativo in estate con un livello d’acqua più basso.

Origini:
Silvermine, South Africa

Descrizione:

  • Tipologia: Drosera a radice carnosa
  • Clima: subtropicale
  • Ciclo vitale: perenne (dormienza estiva)
  • Forma: prostrata
  • Foglie: verdi
  • Trappole: verdi con tentacoli rossi

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo le Drosera a radice carnosa?
Le piante in vitro vengono acclimatate in una camera di coltura a temperatura e umidità controllate. Questo allestimento indoor assicura un miglior adattamento alle condizioni extra-vitro, garantendo le migliori condizioni per le piante in questa delicata fase. Tutte le piante disponibili presso il negozio Diflora sono state acclimatate per almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, con il classico sistema a vaschetta come metodo di innaffiatura e quindi mantenendo sempre una certa quantità d’acqua nella vaschetta. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo acqua distillata prodotta dal nostro sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Pieno sole durante i mesi di vegetazione, che per noi coincidono con i mesi tra settembre e maggio. In estate non è necessario esporre il vaso con le piante dormienti al sole pieno.

Irrigazione e gestione estate/inverno:
Le radici carnose sono una forma di difesa che queste drosere usano per ripararsi dal caldo e dalla siccità del periodo estivo. Durante l’estate, i vasi che contengono le piante a riposo, vanno annaffiati meno del normale.
Con l’arrivo del fresco di settembre ci comportiamo diversamente: possiamo iniziare a innaffiare di più il vaso, come per le altre drosere, aggiungendo i classici 2-3 cm di acqua distillata nel sottovaso. In questo modo simuleremo l’inizio della stagione delle piogge e le piante germoglieranno dal riposo vegetativo in breve tempo.Le radici carnose sono una forma di difesa che queste drosere usano per ripararsi dal caldo e dalla siccità del periodo estivo. Durante l’estate, i vasi che contengono le piante a riposo, vanno annaffiati meno del normale.
Con l’arrivo del fresco di settembre ci comportiamo diversamente: possiamo iniziare a innaffiare di più il vaso, come per le altre drosere, aggiungendo i classici 2-3 cm di acqua distillata nel sottovaso. In questo modo simuleremo l’inizio della stagione delle piogge e le piante germoglieranno dal riposo vegetativo in breve tempo.

Substrato:
Sebbene il 50% di torba e il 50% di perlite vadano bene come substrato generale, consigliamo il substrato per Drosera che abbiamo sviluppato e testato per la crescita ottimale di questo genere.

Stagionalità e temperature:
Le drosere subtropicali hanno bisogno di un riposo vegetativo durante l’estate per superare la stagione secca, non producono ibernacoli perché le riserve sono presenti nelle radici.
Gli inverni in un clima subtropicale sono freschi ma non freddi, il che significa che le temperature scendono ma raramente sotto i 10°C. In inverno è ancora possibile coltivare all’aperto le specie più resistenti, ma è molto importante proteggerle dal gelo e aumentare l’acqua nel sottovaso. L’ideale sarebbe disporre di una serra fredda in cui proteggerle. In alternativa, molti coltivatori sfruttano lo spazio interno delle doppie finestre, utilizzando il calore della propria casa per creare uno spazio simile a una serra in cui far svernare le piante, oppure un terrario dotato di luci artificiali. Se non si dispone di un terrario, è normale notare una perdita di vigore e una crescita lenta. Con l’allungamento delle giornate e l’innalzamento delle temperature, però, le piante torneranno a crescere e a fiorire, dando grandi soddisfazioni!

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha cominciato la propagazione di questa Drosera utilizzando semi fatti germinare in vitro presso il nostro laboratorio. Questo esemplare è stato selezionato per la sua unicità in termini di forma e colore, risultando un prodotto distintivo sul mercato.

Tecnica di cattura

Drosera cattura principalmente piccoli insetti volanti. Lo fa grazie ad un sistema di cattura “a colla”, basato cioè sulla produzione di goccioline di acqua e polisaccaridi (zuccheri) all’estremità dei tentacoli. Queste gocce emulano la funzione del nettare e attirano piccoli insetti che cercano sostanze zuccherine per nutrirsi. Una volta che gli sfortunati visitatori atterrano sulle foglie di Drosera rimangono appiccicati a causa dell’elevata viscosità delle goccioline. Poco alla volta il liquido denso proveniente dai tentacoli vicini avvolge l’animale che sarà destinato ad una morte piuttosto macabra: le trachee, i fori respiratori  posti nell’addome degli insetti, vengono ostruite causandone la morte per soffocamento.

Coltivazione

,

Best Season

,

Condizioni di illuminazione

,

Drosera – Caratteristiche speciali

,

Drosera trinervia [Silvermine]

7.00 *

Descrizione

Drosera trinervia è una drosera a radice carnosa prostrata, originaria del Sudafrica. Come tutte le piante a crescita invernale, vegeta in inverno (da settembre a maggio) e va in riposo vegetativo in estate con un livello d’acqua più basso.

Origini:
Silvermine, South Africa

Descrizione:

  • Tipologia: Drosera a radice carnosa
  • Clima: subtropicale
  • Ciclo vitale: perenne (dormienza estiva)
  • Forma: prostrata
  • Foglie: verdi
  • Trappole: verdi con tentacoli rossi

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo le Drosera a radice carnosa?
Le piante in vitro vengono acclimatate in una camera di coltura a temperatura e umidità controllate. Questo allestimento indoor assicura un miglior adattamento alle condizioni extra-vitro, garantendo le migliori condizioni per le piante in questa delicata fase. Tutte le piante disponibili presso il negozio Diflora sono state acclimatate per almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, con il classico sistema a vaschetta come metodo di innaffiatura e quindi mantenendo sempre una certa quantità d’acqua nella vaschetta. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo acqua distillata prodotta dal nostro sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Pieno sole durante i mesi di vegetazione, che per noi coincidono con i mesi tra settembre e maggio. In estate non è necessario esporre il vaso con le piante dormienti al sole pieno.

Irrigazione e gestione estate/inverno:
Le radici carnose sono una forma di difesa che queste drosere usano per ripararsi dal caldo e dalla siccità del periodo estivo. Durante l’estate, i vasi che contengono le piante a riposo, vanno annaffiati meno del normale.
Con l’arrivo del fresco di settembre ci comportiamo diversamente: possiamo iniziare a innaffiare di più il vaso, come per le altre drosere, aggiungendo i classici 2-3 cm di acqua distillata nel sottovaso. In questo modo simuleremo l’inizio della stagione delle piogge e le piante germoglieranno dal riposo vegetativo in breve tempo.Le radici carnose sono una forma di difesa che queste drosere usano per ripararsi dal caldo e dalla siccità del periodo estivo. Durante l’estate, i vasi che contengono le piante a riposo, vanno annaffiati meno del normale.
Con l’arrivo del fresco di settembre ci comportiamo diversamente: possiamo iniziare a innaffiare di più il vaso, come per le altre drosere, aggiungendo i classici 2-3 cm di acqua distillata nel sottovaso. In questo modo simuleremo l’inizio della stagione delle piogge e le piante germoglieranno dal riposo vegetativo in breve tempo.

Substrato:
Sebbene il 50% di torba e il 50% di perlite vadano bene come substrato generale, consigliamo il substrato per Drosera che abbiamo sviluppato e testato per la crescita ottimale di questo genere.

Stagionalità e temperature:
Le drosere subtropicali hanno bisogno di un riposo vegetativo durante l’estate per superare la stagione secca, non producono ibernacoli perché le riserve sono presenti nelle radici.
Gli inverni in un clima subtropicale sono freschi ma non freddi, il che significa che le temperature scendono ma raramente sotto i 10°C. In inverno è ancora possibile coltivare all’aperto le specie più resistenti, ma è molto importante proteggerle dal gelo e aumentare l’acqua nel sottovaso. L’ideale sarebbe disporre di una serra fredda in cui proteggerle. In alternativa, molti coltivatori sfruttano lo spazio interno delle doppie finestre, utilizzando il calore della propria casa per creare uno spazio simile a una serra in cui far svernare le piante, oppure un terrario dotato di luci artificiali. Se non si dispone di un terrario, è normale notare una perdita di vigore e una crescita lenta. Con l’allungamento delle giornate e l’innalzamento delle temperature, però, le piante torneranno a crescere e a fiorire, dando grandi soddisfazioni!

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha cominciato la propagazione di questa Drosera utilizzando semi fatti germinare in vitro presso il nostro laboratorio. Questo esemplare è stato selezionato per la sua unicità in termini di forma e colore, risultando un prodotto distintivo sul mercato.

Tecnica di cattura

Drosera cattura principalmente piccoli insetti volanti. Lo fa grazie ad un sistema di cattura “a colla”, basato cioè sulla produzione di goccioline di acqua e polisaccaridi (zuccheri) all’estremità dei tentacoli. Queste gocce emulano la funzione del nettare e attirano piccoli insetti che cercano sostanze zuccherine per nutrirsi. Una volta che gli sfortunati visitatori atterrano sulle foglie di Drosera rimangono appiccicati a causa dell’elevata viscosità delle goccioline. Poco alla volta il liquido denso proveniente dai tentacoli vicini avvolge l’animale che sarà destinato ad una morte piuttosto macabra: le trachee, i fori respiratori  posti nell’addome degli insetti, vengono ostruite causandone la morte per soffocamento.

Coltivazione

,

Best Season

,

Condizioni di illuminazione

,

Drosera – Caratteristiche speciali

,

Solo gli utenti registrati possono lasciare una recensione.