Per principianti e collezionisti

Accesso a varietà rare

Spedizione veloce

Rispettoso dell’ambiente

Descrizione

Darlingtonia californica Meadowhall Clone x Goliath è un clone tra due varietà di Darlingtonia molto interessanti. Rispetto alla Darlingtonia clone standard ha una lingua più lunga e una colorazione più brillante e rossa. Gli ascidi sono giovani e hanno un peduncolo più lungo rispetto alla forma standard. Viene comunemente chiamata pianta cobra per via dell’ascidio dalla forma particolare che ricorda il famoso serpente.

Origini:
Nord California, Oregon

Descrizione:

  • Clima: temperato (highland)
  • Ciclo vitale: perenne (no dormienza stagionale)
  • Forma: eretta
  • Trappole: verde brillante
  • Opercolo: rosso
  • Peristoma: verde brillante

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Darlingtonia?
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di adattamento per almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, mantenendo sempre 3-4 cm d’acqua nel sottovaso. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Apprezzano molto il sole, ma si può avere più successo coltivandola solo al mattino o con un sole filtrato per tutto il giorno. Si consiglia di bagnare con acqua fresca nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Darlingtonia è molto sensibile alle alte temperature.

Irrigazione:
Darlingtonia vive in torrenti in cui scorre sempre acqua fresca, quindi ama avere sempre acqua nel sottovaso (3-4 cm di acqua distillata). In inverno se le temperature vanno sotto zero si consiglia di togliere il sottovaso e di annaffiare quotidianamente dall’alto per evitare il congelamento. In estate, invece, si consiglia di mantenere abbondante acqua nel sottovaso e di annaffiarle frequentemente dall’alto con acqua fresca per evitare le alte temperature che non sono tollerate da Darlingtonia. Questo serve a imitare fedelmente l’ambiente naturale in cui vivono. È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio l’acqua piovana o tutta l’acqua di condensa (condizionatore d’aria, deumidificatore). È importante che la conduttività sia inferiore a 50 micro-Siemens.

Substrato:
Darlingtonia non tollera le sostanze nutritive. Evitiamo torbe con pH neutro o fertilizzanti azotati, che si trovano spesso nei terricci per piante acidofile. La torba deve essere pura, il substrato per Darlingtonia che consigliamo è composto da 50% di pura torba acida di sfagno e 50% di perlite.

Stagionalità e temperature:
Darlingtonia è una pianta carnivora dal clima temperato, si coltiva all’esterno tutto l’anno, sotto la luce diretta del sole sia in inverno che in estate. La pianta inizia a spuntare dalla fine di febbraio e continua a crescere fino a ottobre inoltrato, quando il freddo diventa sempre più intenso. Alla fine dell’autunno, molti degli ascidi diventeranno marroni e moriranno. Lasciate le piante all’aperto in pieno sole e bagnatele con acqua distillata durante questo periodo. Se vivete in una zona in cui nevica, svernate in casa su un davanzale soleggiato in una stanza non riscaldata o in garage con tanta luce e con acqua distillata. Darlingtonia immagazzina energia in un fusto sotterraneo e lascia morire la parte aerea con l’arrivo del freddo. Non allarmatevi, la pianta sta bene e deve essere idratata. In primavera, con l’innalzamento delle temperature e l’aumento delle ore di luce, le trappole si riattiveranno e la pianta ricomincerà a vegetare. In questo periodo è molto sensibile al calore, soprattutto nelle radici.

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha cominciato la propagazione di questa Darlingtonia utilizzando semi fatti germinare in vitro presso il nostro laboratorio. Questo esemplare è stato selezionato per la sua unicità in termini di forma e colore, risultando un prodotto distintivo sul mercato.

Tecnica di cattura

Il metodo di cattura della Darlingtonia è unico e caratteristico: l’apertura dell’ascidio è infatti rivolta verso il basso e le molteplici fenestrature presenti nell’ascidio creano “false aperture” che confondono la preda e le rendono impossibile la fuga. Una volta caduti nella trappola, gli insetti rimangono intrappolati e alla fine muoiono. La pianta cobra utilizza poi degli enzimi per digerire gli insetti e ricavarne le sostanze nutritive.

Coltivazione

, ,

Best Season

, , ,

Condizioni di illuminazione

,

5 su 5 in base a 1 di valutazione del cliente
(1 recensione cliente)

Darlingtonia californica Meadowhall Clone x Goliath

16.00 *

Descrizione

Darlingtonia californica Meadowhall Clone x Goliath è un clone tra due varietà di Darlingtonia molto interessanti. Rispetto alla Darlingtonia clone standard ha una lingua più lunga e una colorazione più brillante e rossa. Gli ascidi sono giovani e hanno un peduncolo più lungo rispetto alla forma standard. Viene comunemente chiamata pianta cobra per via dell’ascidio dalla forma particolare che ricorda il famoso serpente.

Origini:
Nord California, Oregon

Descrizione:

  • Clima: temperato (highland)
  • Ciclo vitale: perenne (no dormienza stagionale)
  • Forma: eretta
  • Trappole: verde brillante
  • Opercolo: rosso
  • Peristoma: verde brillante

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni e foto visita il nostro blog e le nostre pagine facebook e instagram.

 

Dettagli dell’acquisto

Istruzioni per la cura

Come coltiviamo Darlingtonia?
Le piante in-vitro vengono ambientata indoor in una camera di coltura con parametri ambientali controllati. ciò permette ai tessuti della pianta di adattarsi gradualmente alle condizioni di coltivazione extra-vitro, mantenendo la massima vigoria della pianta anche durante questa fase delicata. Le piante offerte nello shop hanno in tutti i casi già superato la fase di adattamento per almeno 3 mesi. Dopo questa prima fase la pianta viene portata all’esterno, sotto la luce diretta del sole, mantenendo sempre 3-4 cm d’acqua nel sottovaso. Come per la maggior parte delle piante carnivore, utilizziamo solo acqua distillata prodotta da un sistema a osmosi inversa.

Illuminazione:
Apprezzano molto il sole, ma si può avere più successo coltivandola solo al mattino o con un sole filtrato per tutto il giorno. Si consiglia di bagnare con acqua fresca nei mesi estivi più caldi per evitare temperature eccessive che potrebbero bloccare la crescita della pianta. Darlingtonia è molto sensibile alle alte temperature.

Irrigazione:
Darlingtonia vive in torrenti in cui scorre sempre acqua fresca, quindi ama avere sempre acqua nel sottovaso (3-4 cm di acqua distillata). In inverno se le temperature vanno sotto zero si consiglia di togliere il sottovaso e di annaffiare quotidianamente dall’alto per evitare il congelamento. In estate, invece, si consiglia di mantenere abbondante acqua nel sottovaso e di annaffiarle frequentemente dall’alto con acqua fresca per evitare le alte temperature che non sono tollerate da Darlingtonia. Questo serve a imitare fedelmente l’ambiente naturale in cui vivono. È importante utilizzare solo acqua distillata o, in alternativa, tutte le acque a bassissimo contenuto di sali minerali. Ad esempio l’acqua piovana o tutta l’acqua di condensa (condizionatore d’aria, deumidificatore). È importante che la conduttività sia inferiore a 50 micro-Siemens.

Substrato:
Darlingtonia non tollera le sostanze nutritive. Evitiamo torbe con pH neutro o fertilizzanti azotati, che si trovano spesso nei terricci per piante acidofile. La torba deve essere pura, il substrato per Darlingtonia che consigliamo è composto da 50% di pura torba acida di sfagno e 50% di perlite.

Stagionalità e temperature:
Darlingtonia è una pianta carnivora dal clima temperato, si coltiva all’esterno tutto l’anno, sotto la luce diretta del sole sia in inverno che in estate. La pianta inizia a spuntare dalla fine di febbraio e continua a crescere fino a ottobre inoltrato, quando il freddo diventa sempre più intenso. Alla fine dell’autunno, molti degli ascidi diventeranno marroni e moriranno. Lasciate le piante all’aperto in pieno sole e bagnatele con acqua distillata durante questo periodo. Se vivete in una zona in cui nevica, svernate in casa su un davanzale soleggiato in una stanza non riscaldata o in garage con tanta luce e con acqua distillata. Darlingtonia immagazzina energia in un fusto sotterraneo e lascia morire la parte aerea con l’arrivo del freddo. Non allarmatevi, la pianta sta bene e deve essere idratata. In primavera, con l’innalzamento delle temperature e l’aumento delle ore di luce, le trappole si riattiveranno e la pianta ricomincerà a vegetare. In questo periodo è molto sensibile al calore, soprattutto nelle radici.

Informazioni aggiuntive:
Per ulteriori informazioni sulla coltivazione visitate le nostre guide alla coltivazione o utilizzate il nostro supporto per la cura delle piante scrivendo una e-mail al mitico “Pigliamosche” Andrea Amici (ilpigliamosche@diflora.it).

Fonte

Diflora ha cominciato la propagazione di questa Darlingtonia utilizzando semi fatti germinare in vitro presso il nostro laboratorio. Questo esemplare è stato selezionato per la sua unicità in termini di forma e colore, risultando un prodotto distintivo sul mercato.

Tecnica di cattura

Il metodo di cattura della Darlingtonia è unico e caratteristico: l’apertura dell’ascidio è infatti rivolta verso il basso e le molteplici fenestrature presenti nell’ascidio creano “false aperture” che confondono la preda e le rendono impossibile la fuga. Una volta caduti nella trappola, gli insetti rimangono intrappolati e alla fine muoiono. La pianta cobra utilizza poi degli enzimi per digerire gli insetti e ricavarne le sostanze nutritive.

Coltivazione

, ,

Best Season

, , ,

Condizioni di illuminazione

,

Recensioni del cliente

Valutata 5 su 5 stelle
1 recensione
4 stelle 0 0 %
3 stelle 0 0 %
2 stelle 0 0 %
1 stella 0 0 %

1 recensione per Darlingtonia californica Meadowhall Clone x Goliath

Mostra le recensioni in tutte le lingue (2)

Aggiungi una recensione

Usa uno dei tipi di file consentiti: jpg,png. La dimensione massima consentita è: 10 MB.

    Per principianti e collezionisti

    Accesso a varietà rare e insolite

    Sostenibile e rispettoso dell’ambiente

    Spedizione internazionale veloce

    preloader